I giovani, la sessualità e i new media: dati e considerazioni

Buongiorno a tutti, oggi un argomento più statistico e scientifico che mi ha molto incuriosito e che mi ha dato l’idea dell’impatto reale delle nuove tecnologie nelle nostre vite.

Per la mia tesi magistrale, abbiamo pensato di svolgere una ricerca rivolta ai ragazzi tra i 14 e i 18 anni. Il nostro scopo è quello di indagare i concetti di intimità, coppia, sessualità, mezzi di comunicazione e di ricerca di informazioni sul sesso. Nella fase preliminare, ho svolto alcune ricerche, cercando informazioni utili per comprendere meglio questa realtà.

I dati sulle ricerche specifiche riguardanti la sessualità sono molto scarsi, se non assenti. Alcuni numeri ci sono riguardanti la pornografia o la pedopornografia, ma nulla sui temi della sessualità, soprattutto tra i giovani.

Schermata 2018-10-08 alle 12.03.14

Schermata 2018-10-08 alle 12.04.43Schermata 2018-10-08 alle 12.14.36

social-network-italia-2017

Dai dati Istat del 2016, quello che emerge è che: in Veneto, più di metà (53%) della popolazione usa internet per i social network; più della metà delle persone (52.8%) lo utilizza per scaricare contenuti multimediali e quasi la metà (46%) per cercare informazioni sanitarie (Fig. 1). Il 60% delle famiglie italiane possiede una connessione ad internet (Fig.2) ma il dato interessante è che quasi il 93% delle famiglie con almeno un minore a carico, hanno la connessione internet. Tra i ragazzi, il 67% usa internet per cercare informazioni, l’82% per utilizzare i social network e circa l’81% per scaricare contenuti e giocare. Per quanto riguarda le piattaforme maggiormente usate, ci sono: al primo e al secondo posto, Youtube e Facebook con il 62% e il 60%; seguono Whatsapp con il 59%, FB messanger (39%) e Instagram (33%). Ma perchè tutti questi numeri? Perchè a volte servono, anche solo per legittimare pensieri, affermazioni e riflessioni.

Per esempio, questi dati denotano l’imponenza della realtà virtuale nella vita di tutti i giorni e nelle dinamiche relazionali: il cambiamento nelle dinamiche face-to-face, la contiguità spazio-temporale, l’essere sempre connessi, … la rete diventa un medium che “disincarna” l’interlocutore. Le conseguenze sono molte, tra cui: non si può “vedere” l’altro e quindi leggerne le emozioni fisicamente (minore competenza emotiva, capacita di comprendere le proprie e le altrui emozioni e comportarsi di conseguenza); è più probabile farsi dell’altro un’idea sbagliata, in quanto le informazioni sono disconnesse e a volte incomprensibili; nella comunicazione tramite social network, il messaggio acquista una propria autonomia, e quindi esiste anche senza il suo interlocutore, questo significa che il rischio è che non si percepisca l’esistenza di una persona, o che comunque non sia necessaria (Riva, G. (2017). Love 2.0: Eros at the age of Social Media. Rivista di sessuologia clinica, vol. 41, N.2.).

Questi dati mostrano anche che le attività svolte in internet sono (tra i giovani) principalmente ricreative: ma da dove trovano tutte quelle informazioni che poi riportano? È proprio vero che l’educazione alla sessualità oggi, è relegato solo al mondo dei porno? È questa l’unica “agenzia educativa” (provocatoriamente parlando) alla quale abbiamo delegato il compito di parlare di sesso? Ci sono diversi studi che hanno gridato a gran voce il pericolo di informazioni sbagliate, dannose o esagerate che vengono fornite nei siti di questo tipo. Ma la soluzione qual’è? Probabilmente quella di parlare di più con i ragazzi di sesso, più apertamente e dando loro gli strumenti giusti per saper scegliere le informazioni adeguate.

E se si parla di amore e di relazioni? Come sono queste coppie nell’era dei social? Quelle coppie che nascono in questa realtà così complessa? Sono coppie che si fanno influenzare dai “likes” ricevuti, dall’approvazione, dai commenti: più c’è approvazione dalla rete, più alto è l’amore e l’impegno nella coppia. (Sinclair, H. C., Felmlee, D., Sprecher, S., & Wright, B. L. (2015). Don’t tell me who I can’t love: A multimethod investigation of social network and reactance effects on romantic relationships. Social Psychology Quarterly, 78(1), 77-99.) Le coppie di ragazze giovani usano, quasi consumano, questi social: postano foto, pensieri, ricordi e momenti importanti della loro storia, quasi come se fosse il diario segreto di qualche tempo fa. Il rischio più grande, è quello che si perda di vista il concetto di privacy ed intimità: cosa succede se diventano virali le foto con l’hashtag #aftersex? Cosa succede se le foto intime (di coppia e non solo) acquistano importanza solo se “condivise” con amici virtuali o sconosciuti? Forse il risultato potrebbe essere quello che la coppia percepisce di esistere (ed ha importanza di esistere) solo all’interno del mondo virtuale. Quindi capita spesso che i momenti passati insieme, siano vissuti insieme solo nel momento di scattarsi un selfie, e che il resto del tempo sia speso nel contare i likes o leggere i commenti.

couples-3323796_1280.jpg

Tutti questi aspetti (e molti altri!!), a mio parere, sottolineano il fatto che questo tipo di ricerca, rivolto ai ragazzi 14/18 anni sia importante per diversi aspetti:

  1. In primo luogo, perché non esistono (se non datate o superficiali) ricerche nell’ambito intimità e sessualità per questa fascia d’età, questo perché è una fascia d’età complessa da indagare e reperire al giorno d’oggi;
  2. In secondo luogo perché una ricerca di questo tipo potrebbe avere una grande rilevanza nell’ambito clinico: questo perché i ragazzi d’oggi sono potenzialmente i pazienti di domani e conoscere e comprendere meglio questi aspetti, potrebbe aiutare in futuro la messa a punto di interventi clinici più mirati.
  3. un lavoro di questo tipo, potrebbe essere materiale molto interessante e innovativo nell’ambito dell’educazione alla sessualità, carpendo meglio le fonti di informazione, le convinzioni e i mezzi di comunicazione usati dai giovani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...